IMPRENDITORIA E CRIMINALITA’: ARRESTATE TRE PERSONE –

Un patrimonio stimato di circa 70 milioni di euro, il sequestro di beni per un valore di 220mila euro nei confronti di Giovanni Attanasio finito in manette. E’ lui il vertice di una piramide criminale con ramificazioni in tutta Italia, oltre 60 aziende e interessi anche all’estero, accusata di reati di riciclaggio e concorso esterno in associazione mafiosa. Agli arresti anche il pregiudicato Enrico Bisogni. Con lo stesso provvedimento sono stati disposti i domiciliari per Sergio La Rocca, stretto collaboratore di Attanasio, detto il Presidente.

La Guardia di Finanza di Salerno, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Salerno, nei confronti dell’imprenditore salernitano ed altri due soggetti, indagati per associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale e al riciclaggio. Le indagini hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza in ordine all’esistenza di un’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti di riciclaggio, intestazione fittizia di beni, false attestazioni e reati tributari. Gli arresti sono frutto di una vasta operazione portata avanti dalle fiamme gialle nelle province di Salerno, Roma e Vicenza nei confronti dei principali indagati e delle società del gruppo Attanasio. Le indagini condotte dalle fiamme gialle del Gico di Salerno sono state delegate dalla Dda per accertare l’effettiva riconducibilità ad Attanasio – patron della società interinale Lavoro.doc – di numerose imprese operanti nel settore della somministrazione di lavoro interinale. Nel corso delle indagini – fatte di intercettazioni telefoniche, ambientali, pedinamenti e quant’altro – è emerso che il Presidente è titolare di un vasto patrimonio immobiliare, societario e mobiliare in gran parte fittiziamente intestato a prestanome. La stima e di circa 70 milioni di euro, accumulati attraverso la sistematica evasione fiscale ma anche grazie all’appoggio del clan camorristico Pecoraro-Renna. L’indagato Enrico Bisogni, già detenuto per associazione mafiosa ha avuto un ruolo di primaria importanza all’interno delle società dell’indagato Attanasio. Tra i beni ritrovati in uno degli appartamenti perquisiti anche quadri di Picasso e di Monet di cui si sta verificando l’autenticità.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Eugenio Marotta

1422 stories / Browse all stories

Related Stories »


meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO