SALERNITANA, LA SVOLTA IN DUE MOSSE

Rispolverato un attaccante che segna e un centrocampista che sa giocare la palla, la Salernitana può, a giusta ragione, iscriversi alla lista delle pretendenti al salto di categoria. Ad avvalorare l’ambizioso progetto concorrono, essenzialmente, due fattori: la regolarità di marcia dei granata e l’estrema incostanza delle presunte grandi, in particolare delle retrocesse quelle che, in teoria, grazie al famigerato “paracadute” economico avrebbero dovuto fare la differenza. Quella di Colantuono, invece, è una squadra da “B”, proprio nella sua accezione classica, una squadra tignosa e regolare che concede poco, o non molto alla platea, e ancor di meno agli avversari. Attenzione, però, perchè quello che è stato un refrain delle prime giornate dopo la partita vinta in scioltezza contro il Livorno va parzialmente rivisto e questo in virtù del concetto di partenza: la Salernitana ha forse trovato un attaccante che fa gol, Bocalon, e un centrocampista che sa giocare la palla, Di Gennaro. Ecco nel tourbillon di avvicendamenti voluto saggiamente da Colantuono per gestire al meglio le forze, i due giocatori in questione – fin qui abbastanza in naftalina – hanno scalato posizioni su posizioni e appaiono difficilmente sostituibili! Il “doge” ha confermato le sue virtù sotto porta, tra un attaccante abile a creare spazi, Djuric, ed un altro veloce ma abbastanza confusionario, Jallow, Bocalon ci sta di lusso percHè è quello che ha maggiore dimestichezza con la rete avversaria. E non è poco. Di Gennaro, invece, in un centrocampo di lotta come quello voluto dal tecnico è l’unico ad avere un’idea di Governo ed il fatto che contro il Livorno sia cresciuto con il trascorrere dei minuti dimostra che solo giocando con continuità l’ex di Cagliari e Lazio potrà trovare la sua dimensione anche in granata. Dunque tante note liete a cominciare proprio dalla posizione di classifica, l’esiguo distacco dalla vetta e la crescita di giocatori partiti dalla seconda fila. Tante note liete ed un solo rammarico fin qui. Abbiamo sempre contestato le ramanzine spesso poco calibrate di Claudio Lotito a proposito delle presenze all’Arechi, bene ora che – finalmente – il patron sul punto ha deciso, saggiamente, di soprassedere è tempo invece che Salerno si autodetermini perchè quest’anno, a differenza dei pastrocchi propinatici nelle passate stagioni, questa squadra merita maggiore vicinanza e affetto. E’ tempo, insomma, che Salerno ritorni concretamente a palpitare per la sua squadra e non perchè bacchettata dalla proprietà ma perchè lo merita la Salernitana.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Marcello Festa

5624 stories / Browse all stories

Related Stories »

meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO