4-4-2: ZITO TERZINO E UN DUBBIO IN MEDIANA

Con il Crotone si cambia. In tutti i sensi. E guai se così non fosse. Domenica prossima nel match-lunch dell’Arechi, valido come sesta di ritorno del campionato cadetto, la Salernitana dovrebbe schierarsi con un canonico 4-4-2. Menichini dopo le quattro sberle di Terni che hanno fatto da contraltare alla prova tutto sommato convincente con il Pescara nel principe degli stadi cambia ancora. Modulo e uomini. Sarebbe la terza volta in tre partite per l’allenatore di Ponsacco.

Per fronteggiare il 3-4-3 di Juric e soprattutto la rapidità degli esterni pitagorici, il trainer granata proverà a rinfoltire difesa e centrocampo, cercando poi di sfruttare la verve in zona gol della coppia Coda-Donnarumma, entrambi in gol nell’ultima uscita all’Arechi contro gli abruzzesi.

Questo naturalmente nelle intenzioni. “Menico” dovrà fare a meno dello squalificato Gabionetta (per lui anche 3mila euro di multa comminatigli per la scellerata espulsione di Terni) e quasi certamente del terzino sinistro Rossi, che continua a marcare visita. Di contro il club granata recupera Zito ed Empereur che hanno scontato il turno di stop e dovrebbero rientrare subito nell’undici base.

Sebbene siamo soltanto a inizio settimana, le scelte e i giochi pare siano già fatti. Menichini ha già in mente la formazione con cui affrontare la sorpresa Crotone, seconda forza del campionato dietro la corazzata Cagliari. L’allenatore si porta dietro soltanto un paio di dubbi. Il primo è legato proprio alla posizione del rientrante Zito. L’ex Avellino è in ballottaggio per un posto a centrocampo, oppure per indietreggiare il suo raggio d’azine fino a cursore difensivo dell’out mancino. Ieri nelle prime prove in vista del match di domenica prossima, Menichini lo ha provato terzino sinistro, al posto di Franco. L’altro rebus da sciogliere è a centrocampo. Odjer è tornato ad allenarsi ed è quasi scontata la sua presenza nell’undici base. In mediana, quindi, ci sarebbe il ballottaggio tra Pestrin e Moro per l’ultima maglia disponibile, considerando che Gatto e Oikonomidis (oppure Zito se dovesse giocare più avanti) sono certi di una maglia. Tandem offensivo composto da Coda e Donnarumma, appunto.

Da oggi, la Salernitana comincia ad allenarsi nel rinnovato e rizollato campo – in erba naturale –  del Mary Rose sulla Litoranea costa Sud. Un’alternativa importante per la squadra, costretta a troppi cambi di superficie quest’anno.

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

2 commenti su “4-4-2: ZITO TERZINO E UN DUBBIO IN MEDIANA

    angelo

    (Febbraio 17, 2016 - 4:08 pm)

    non è bastato pestrin centrale?vuol rrinforzare la difesa.ma come?facendola salire di peso?servono persone scattanti non gente in sovrappeso.li prendiamo tutti noi questi scienziati

    angelo

    (Febbraio 17, 2016 - 2:12 pm)

    ALTRA INVEZIONE.ZITO TERZINO-APRITE UN MANICOMIO E …………………………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*