AIDM CONTRO IL FUMO: LA PREVENZIONE A CONGRESSO A SALERNO –

Le donne sono diverse a livello biologico e ciò si riflette anche in… medicina. L’altra metà del cielo risponde e reagisce in maniera differente a determinate patologie rispetto all’uomo. Non solo modi di ammalarsi diversi per le stesse malattie, ma anche reazioni differenti davanti ai rischi per la salute conseguenti a stili di vita poco salutari. La cattiva alimentazione e, in particolare, le conseguenze del fumo di sigaretta sono stati gli argomenti principali del XXXIX congresso nazionale dell’Associazione Italiana Donne Medico che si è chiuso ieri nelle sale del Grand Hotel a Salerno. Il fumo di sigaretta e la

patologia reumatologica di genere sono stati i temi dominanti di una tre giorni incontri e dibattiti in cui si sono confrontate le donne medico provenienti da tutta Italia.

La sessione, promossa da Philip Morris Italia con PMI Science, è stata condotta dalla Presidente AIDM Antonella Vezzani.   La Professoressa Maria Sole Chimenti, ricercatrice presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ha puntato l’indice su alcuni dati relativi alle conseguenze del fumo di sigaretta. Fumare fa male a tutti, ma alle donne di più. Come extrema ratio, meglio una sigaretta elettronica. La dr.ssa Giuseppina Plaitano, responsabile dell’Aidm di Salerno ha parlato delle iniziative dell’associazione…

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*