BOLLINI RILANCIA SPROCATI PER RITROVARE LA VITTORIA

Il mese di dicembre è cominciato con la sconfitta di Brescia ed allora col Perugia la Salernitana dovrà centrare il riscatto. Alberto Bollini e la sua squadra vanno a caccia di una vittoria che manca da tempo, esattamente dal 28 ottobre quando all’Arechi la doppietta di Bocalon ribaltò l’Empoli e si prese la rivincita su un destino cinico e baro che aveva tolto ai granata Bernardini e Schiavi in corsa e Sprocati poco prima del fischio di inizio. Proprio l’ex Pro Vercelli scalda i motori in vista del suo ritorno in campo dal primo minuto. Dopo aver rotto il ghiaccio a Brescia, dove ha pure sfiorato il gol al primo pallone giocato, Sprocati tornerà domani dal primo minuto in un tridente dall’assetto variabile in cui Rossi potrà partire sia sulla linea di Sprocati sia accanto a Rodriguez. Numeri a parte, alla Salernitana servirà la sostanza. Un approccio più deciso alla gara, una capacità di vincere i duelli individuali venuta meno nelle ultime settimane, una maggiore attenzione difensiva. Il tutto accompagnato da una ritrovata vena realizzativa dei suoi attaccanti. A Brescia i granata sono rimasti a secco, cosa che non capitava dal match interno con l’Ascoli e domani dovranno ritrovare i gol per tornare alla vittoria. Bollini medita qualche novità in formazione. Sprocati e Rodriguez dal primo minuto in avanti, Bocalon e Minala verso la panchina per un 3-4-1-2 che vedrà le conferme di Pucino e Mantovani ai lati di Schiavi, quella di Vitale a sinistra ed il ritorno dal primo minuto di Kiyine, preferito sulla corsia destra a Gatto. In mezzo al campo Ricci, anch’egli al ritorno dal primo minuto, affiancherà Signorelli ed andrà a caccia del gol dell’ex proprio dopo aver segnato col Perugia contro la Salernitana così come Sprocati che con la maglia del grifo segnò una rete pesante proprio contro la Salernitana. Corsi e ricorsi storici. Prima di tutto, però, conteranno carattere, approccio e mentalità, ingredienti indispensabili per scrivere la storia senza affidarsi solo alla cabala.

Autore dell'articolo: Nicola Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*