CHIESTO IL DISSEQUESTRO DEL CRESCENT

Facendo seguito ai nuovi provvedimenti urbanistici adottati dal comune di Salerno, in linea con quelle che sono le disposizioni della soprintendenza, l’ATI che fa capo alla RCM Costruzioni del gruppo Rainone ha formalizzato alla seconda sezione penale del Tribunale di salerno, la richiesta di dissequestro del cantiere del Crescent da tempo fermo al palo. L’istanza porta in calce la firma dell’avvocato De Caro. Indipendentemente dal procedimento penale in corso e che vede a giudizio 48 persone, i provvedimenti emessi e il nuovo PUA di Santa Teresa, ad avviso del legale offrono gli strumenti per poter riprendere i lavori. Una risposta è attesa per la fine del mese di giugno.

Autore dell'articolo: Marcello Festa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*