ESPIANTO MULTIORGANI ALL’OSPEDALE RUGGI

Espianto d’organi all’ospedale Ruggi di Salerno. Quest’oggi sono stati prelevati gli organi del 64enne G.C., giunto ieri presso la rianimazione del plesso ospedaliero in seguito al trasferimento dall’ospedale di Polla dove era stato trasportato dal 118. L’uomo, dopo aver perso i sensi, era caduto ed aveva battuto violentemente il capo procurandosi un vasto ematoma subdurale. Dal pronto soccorso di Polla, valutata la situazione, era stato disposto il trasferimento a Salerno dove è giunto in media midriasi ariflessica. Successivamente, nel pomeriggio di ieri, era stato eseguito un intervento di craniotomia per decomprimere l’encefalo ma, purtroppo, all’alba di oggi è stata dichiarata la morte cerebrale. Si è pensato subito alla donazione d’organi ma, essendo l’uomo senza familiari diretti (risulta orfano, senza fratelli o sorelle e non coniugato) è stato necessario, da parte del Primario FF della Rianimazione dottor Renato Gammaldi contattare il Servizio di assistenza sociale e il responsabile dell’ufficio anagrafe di Sala Consilina, dove l’uomo risiedeva, per poter avviare l’osservazione di morte. La dottoressa Carmela Policastro, coordinatore delle donazioni d’organo, coadiuvata dal responsabile della rianimazione dottor Giuseppe calicchio e dal personale di reparto, ha dato il via al periodo di osservazione, mentre la Polizia Stradale di Sala Consilina ha rapidamente fatto pervenire in ospedale la documentazione originale fondamentale per completare la procedura. Nel primo pomeriggio l’osservazione di morte è terminata con esito positivo ed in serata è giunta da Napoli l’equipe chirurgica per il prelievo di fegato, reni e cornee, organi tutti che resteranno in Campania. In una nota l’Azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona ci tiene a sottolineare la grande collaborazione che puntualmente si riceve dalle forze dell’ordine, in particolare dalla Polizia Stradale, che in più occasioni è risultata decisiva anche per il celere trasporto degli organi.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*