FURTI DI RAME. OPERAZIONE “ORO ROSSO”. DUE ARRESTI DELLA POLIZIA DI STATO

126 persone controllate, di cui 2 arrestate, nell’operazione “Oro Rosso” disposta ieri su scala nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria per il contrasto al fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario, ed attuata dal Compartimento Polizia Ferroviaria con
verifiche amministrative e contabili presso 26 ditte di smaltimento, ritiro e trasporto di
materiali ferrosi e rottami dell’intero territorio regionale.
Nella provincia di Napoli, in particolare, nel corso dei controlli all’interno di un
impianto di manutenzione in zona Gianturco, sono stati arrestati in flagranza del reato
di furto aggravato due stranieri che avevano sottratto parti metalliche di locomotori di
proprietà di Trenitalia, immagazzinate nel deposito. M.Y. marocchino trentatreenne
pregiudicato per reati contro il patrimonio e B.S. trentaduenne cittadino del Mali, con
pregiudizi di polizia connessi alla violazione della legge sull’immigrazione, sono stati
fermati mentre tentavano di allontanarsi e trovati in possesso di arnesi atti allo scasso e
della refurtiva consistente in numerosi pezzi di ricambio in metallo di treni e
nell’archetto di un pantografo, consistente in una barra in lega di rame, di grosse
dimensioni, che striscia sulla linea elettrica, alimentando i motori dei convogli,
componente che uno dei due malfattori trasportava su una spalla. Giudicati con rito
direttissimo sono stati condannati a 6 mesi di reclusione e 200€ di multa.
Le strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno predisposte negli ultimi mesi dal
Compartimento Polizia Ferroviaria di Napoli, con controlli serrati ai rottamai e servizi
di pattugliamento delle linee ferroviarie e di monitoraggio delle aree maggiormente a
rischio, effettuati anche con l’ausilio dell’elicottero del Reparto Volo della Polizia di
Stato, munito di telecamera wescam, nonché di droni, hanno prodotto un significativo
calo dei furti di rame, che si è tradotto in una diminuzione costante sia rispetto ai mesi
precedenti che con riguardo allo stesso periodo degli anni scorsi.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*