INCIDENTE AUTO GOVERNATORE DE LUCA, I COMMENTI DELLA POLITICA

“Da sempre denunciamo che questo presidente che si crede al di sopra della legge è un pericolo per la Campania. Oggi purtroppo ne abbiamo avuto l’ennesima prova, con una giovane che ha rischiato di rimanere uccisa”. Così la consigliera regionale del M5S Valeria Ciarambino commentando “la notizia secondo la quale l’auto di De Luca, che a quanto riferisce la valeria-ciarambino-1 stampa viaggiava contro mano, ha investito una ragazza in motorino”. “Chi rappresenta le istituzioni dovrebbe essere un esempio inappuntabile di rispetto della legalità – sottolinea Ciarambino – e invece in Campania siamo governati da chi si mette costantemente la legge e le istituzioni sotto i piedi. Oggi purtroppo, se celano la dinamica dell’incidente verrà confermata, il disprezzo per la legge di De Luca ha portato una ragazza in ospedale. Non è la prima volta che il presidente non rispetta il codice della strada: già a febbraio 2015 ‘Le Iene’ lo avevano beccato a percorrere un divieto d’accesso solo per risparmiare qualche minuto sul percorso verso casa. Ci aspettiamo che anche questa volta farà ricadere la colpa sui suoi collaboratori”. “La misura è davvero colma: De Luca dimostra ogni giorno di più la sua “indegnità”. Speriamo che la ragazza investita possa rimettersi presto” – conclude Ciarambino.
Affidato ad un post su facebook invece il commento del consigliere comunale d’opposizione, Roberto Celano: “L’arroganza, l’idea di impunità e la sensazione che le regole debbano rispettarle solo gli altri a volte fanno brutti scherzi… ma è lo stesso controsenso che fu attenzionato dalla redazione delle Iene?….”.

Schermata 2017-09-15 a 17.35.04“Ci sarebbe da ridere ma è un dramma questo Signore in auto contromano, una ragazza in ospedale. E’ l’arroganza, la superficialità. La demenza senile? No quella no…
P.s. lo conosco, adesso scaricherà l’autista che lui ha messo in croce. Tipico del personaggio”, è quanto ha commentato il vice coordinatore provinciale di Forza Italia, Gaetano Amatruda.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*