INCIDENTE STRADALE SUL LUNGOMARE, GRAVE 41ENNE –

E’ in gravi condizioni all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, il centauro Vincenzo Barbato, 41enne, che stamani alle prime luci dell’alba si è scontrato violentemente contro una Smart.

Il salernitano, molto noto in città, residente nel quartiere di Mercatello, ex portiere delle squadre di calcio Salernitana e Scafatese, oggi allenatore dei portieri del Potenza è stato trasportato d’urgenza al Ruggi dai volontari dell’Humanitas e subito operato per le gravi ferite riportate. Ricoverato in rianimazione la prognosi è riservata.
Il violento impatto si è registrato in via lungomare Colombo intorno alle 5.30 di questa mattina all’altezza del Polo Nautico di Salerno, dove subito sono giunti gli agenti della Polizia stradale, che per i rilievi dell’incidente hanno ritenuto di dover chiudere al traffico il tratto di strada per qualche ora. Tutta da verificare la dinamica del violento incidente stradale nel quale ad avere la peggio è stato Vincenzo Barbato mentre la donna a bordo della Smart è rimasta illesa.
Incidente-Lungomare-Colombo-650x412Lo scooter guidato dal 41enne Vincenzo Barbato che pare stamani era diretto al lavoro si è schiantato violentemente nella parte posteriore di una Smart, facendo un volo di alcuni metri e finendo rovinosamente sul lato sinitro della strada in via lungomare Colombo. Nel violento impatto ha perso il casco. Quando è giunto in ospedale soccorso dai volontari dell’Humanitas i medici hanno subito riscontrato ferite gravi e diverse fratture tanto da rendere immediato il suo trasferiemnto in sala operatoria. Sulla dinamica dell’incidente indagano i poliziotti della sezione Volanti. La ragazza che era alla guida dell’automobile, anche lei condotta in ospedale per accertamenti, ha dichiarato di aver sentito il rumore dello scooter che arrivava alle sue spalle e di aver subito dopo avvertito lo schianto.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*