LAVORARE NEGLI STATI UNITI: I GUADAGNI DALLA SANITÀ ALLA RISTORAZIONE

Lavorare negli Stati Uniti è il sogno di molti, soprattutto tra i più giovani, che preferiscono cercare un impiego all’estero per varie ragioni ma anche e soprattutto perché si guadagna di più. In effetti non è certo un segreto: gli stipendi in Italia sono piuttosto bassi se confrontati con quelli di altri Paesi e per la stessa professione all’estero sono previsti salari decisamente più allettanti. Tuttavia, non è corretto generalizzare perché quello che si guadagna è proporzionale al lavoro che si svolge e ci sono professioni che più di altre vengono pagate bene negli USA. Oggi vedremo proprio questo: quali sono i lavori che permettono di guadagnare di più negli States e per cui vale la pena trasferirsi oltre oceano.

La ristorazione: quanto guadagna un cuoco negli USA

Uno dei settori più interessanti per un italiano che intende andare a lavorare negli Stati Uniti è senz’altro quello della ristorazione. Lo stipendio medio americano in questo ambito professionale è infatti allettante, ma è bene precisare che dipende tutto dal curriculum. Molti ragazzi si trasferiscono negli USA convinti di poter svolgere la professione di chef senza avere esperienza né formazione alle spalle ma rimangono delusi. Questo perché il fatto di essere italiani aiuta sicuramente, ma non è di certo sufficiente vista la grande concorrenza che c’è oltre oceano! Se quindi avete in mente di lavorare negli Stati Uniti nel settore della ristorazione, dovete prima di tutto seguire un corso professionale in modo da avere qualcosa da inserire nel curriculum. Non è necessario il diploma di alberghiero, ma una competenza specifica sicuramente è fondamentale.

Lo stipendio di un cuoco negli USA può arrivare a cifre molto elevate, ma solo se si raggiungono posizioni importanti. Il lavapiatti di certo non guadagna tanto, soprattutto in proporzione al costo della vita nelle grandi città americane.

La sanità: quanto guadagna un medico negli USA

Un altro settore che permette di avere dei guadagni molto interessanti è quello della sanità. Di certo un dottore può contare su uno stipendio di alto livello negli Stati Uniti, mentre in Italia non sempre è così. Il salario medio annuo di un medico ospedaliero o generico oltre oceano è di circa 220.000 dollari, mentre quello di un chirurgo raggiunge cifre ben più importanti assestandosi intorno ai 340.000 dollari. Interessanti anche le cifre che possono guadagnare psichiatri, dentisti, patologi e via dicendo, oltre che tutti gli specialisti laureati nel settore della medicina.

Lavorare negli Stati Uniti: l’importanza della formazione

Lavorare negli Stati Uniti può quindi rivelarsi un’ottima idea, ma è bene precisare che la situazione non è idilliaca per tutti. Come abbiamo visto, la formazione è fondamentale se si intende trovare un impiego remunerativo e guadagnare bene, altrimenti si rischia di trovarsi a dover sostenere più spese che altro. Vale dunque la pena trasferirsi negli Stati Uniti per lavoro, ma solo se si può contare su un curriculum ricco di esperienze e soprattutto di competenze apprese ed attestate da corsi e percorsi formativi di un certo livello. In caso contrario, non conviene andare così lontani perché il gioco non vale la candela.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*