L’AVVENTURA SALVEZZA E LA BOLGIA DELL’ARECHI

Contro il Modena si punta a toccare quota 20mila, nonostante la giornata granata. A ieri già staccati oltre 5mila biglietti (appena una trentina da Modena). A tre gare dal termine della stagione tutto è ancora in discussione. Dai 46 punti dell’Ascoli ai 37 del Livorno, otto squadre si giocano retrocessione, play out e salvezza diretta negli ultimi tre turni. La Salernitana lo farà con il vantaggio di giocare due delle ultime tre davanti al proprio pubblico.

Per l’Ascoli a 46 punti ed il Vicenza a 45 è quasi fatta. La zona calda comincia con la Pro Vercelli (a quota 42) che sabato ospiterà il Trapani di Cosmi in lotta per il terzo posto. I piemontesi saranno poi impegnati nella trasferta di Perugia e chiuderanno la stagione ospitando un Cagliari probabilmente ancora ebbro della festa promozione.

Il Latina, che viaggia a braccetto con Salernitana e Modena a quota 41, è la squadra con il calendario più difficile. Occhio alle motivazioni però: a Crotone Juric ha già messo le mani avanti. I nerazzurri sperano di uscire indenni dallo Scida per poi giocarsi tutto in casa col Vicenza. All’ultima giornata la band di Gautieri dovrà far visita al Pescara che corre per il terzo posto.

E siamo al Modena che sabato sarà di scena a Salerno per poi ricevere il Pescara al Braglia e chiudere la stagione regolare a Novara quasi tagliato fuori dalla lotta playoff.

La Salernitana ha il destino nelle proprie mani e un calendario, sulla carta, più abbordabile. In vantaggio negli scontri diretti con il Latina, la squadra di Menichini deve riequilibrare la situazione proprio con il Modena. Anche per questo la gara di sabato vale doppio per i granata che poi saranno di scena a Cagliari e chiuderanno in casa contro il già retrocesso Como.

Il Lanciano (p.39). aspetta di conoscere l’esito del ricorso per ritrovare almeno uno dei cinque punti di penalizzazione. I rossoneri saranno impegnati nel difficilissimo derby esterno con il Pescara per poi ospitare la Ternana in casa e chiudere con la trasferta da brividi di Livorno.

Già, il Livorno (p. 37). Gli amaranto sono a rischio retrocessione diretta e per restare in corsa dovranno battere il Perugia per poi giocarsi tutto nei due scontri diretti ad Ascoli e in casa contro il Lanciano. Un’impresa quasi disperata, ma il Livorno potrebbe essere una variabile da non trascurare nel rush finale.

La Salernitana come detto ha il destino nelle proprie mani e nel cuore, enorme, dei suoi tifosi. In 270’ si possono cambiare le sorti di una stagione sciagurata. Un’avventura che la torcida granata è pronta a condividere con i propri beniamini.

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*