OSPEDALE POLLA, DI BRIZZI: “LA CLASSIFICAZIONE BASE DEL NOSOCOMIO NON E’ UN ERRORE”

Da domani, 29 luglio 2020, un altro primario lascia l’Ospedale di Polla. Si tratta –
dichiara, l’esponente della Lega, Valentino Di Brizzi – dell’amico Dott. Pietro Greco,
dirigente del reparto di neurologia del “Curto”, ammirata professionalità che tanto si è
battuto affinchè l’Ospedale diventasse punto di riferimento della nostra sanità e potesse
essere struttura adeguata alla salvaguardia della salute dei nostri concittadini. Al Dottore
Greco – che da domani sarà posto in ferie prepensionamento – vanno i miei
ringraziamenti per quanto fino ad oggi fatto ed anche i miei Auguri!!! “La notizia del
pensionamento del Dott. Greco, però, porta con sé – continua Di Brizzi – tanto rammarico
e amarezza. Non solo il reparto di Neurologia di Polla da domani non beneficerà più della
professionalità del Dott. Greco, ma la Dott.ssa Forziati – su cui ricadrà, insieme ad un
collega, la mole di lavoro del reparto – allo stato non risulta avrà la possibilità di unità
aggiuntive in sostegno al regolare svolgimento delle attività di reparto. Il sospetto –
prosegue Di Brizzi- è che la classificazione “BASE” per l’Ospedale “Luigi Curto”, riportata
nella delibera di Giunta Regionale n. 304 del 16/06/2020, è che da più riferimenti politici è
stata bollata come un “MERO ERRORE”, forse “ERRORE NON E’ ” (e con ogni
probabilità sarà, come l’apertura dell’Ospedale di Agropoli, solo l’ennesimo proclama
elettorale). Ad oggi, infatti, nessun atto ufficiale propone una correzione a quella
classificazione e la situazione del presidio valdianese, allo stato, lascia intravedere che ci
sia dietro un vero disegno di declassamento. Disegno addirittura facilitato dall’emergenza
COVID-19, in quanto con il pretesto di dover predisporre, con URGENZA, un reparto
Covid – si è provveduto, senza alcun riguardo alle altre esigenze sanitarie del nostro
territorio, allo smantellamento di interi reparti e ad un ridimensionamento scellerato dei
posti disponibili. L’emergenza COVID-19 andava e va gestita in maniera diversa e se
siamo stati in grado di fronteggiarla nella nostra struttura sanitaria è stato soprattutto
grazie alla forte generosità delle nostre Associazioni e dei nostri concittadini. All’Ospedale,
però, DEVE pensare la politica e non possiamo consentire che reparti importanti come
Neurologia, Gastroenterologia, Pediatria, Ortopedia e tanti altri, siano ridimensionati in
maniera così pesante. Ci dimostrino – conclude Di Brizzi – che hanno a cuore la nostra
salute! PROVVEDANO, innanzitutto e senza indugio, alla correzione della classificazione
riportata per l’Ospedale “Luigi Curto” e per l’Ospedale dell’ “Immacolata” nel Piano
Regionale di Programmazione della Rete Ospedaliera. E’ poi si faccia una vera
programmazione/organizzazione della rete ospedaliera che ci consenta, finalmente, di non
dover più fare viaggi della speranza per ottenere quello che il principale diritto
costituzionalmente garantito.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*