RAZZISMO AL FUCITO? IL RUGGI AVVIA UN’INDAGINE –

Ha filmato tutto con il suo cellulare pubblicando il video su Facebook per raccontare quanto gli stava accadendo. Così un giovane 20enne, Souleymane Rachidi originario della Costa D’Avorio ma residente nella valle dell’Irno ha reso pubblico un presunto caso di razzismo finito oggi al vaglio dell’azienda ospedaliera Ruggi d’Aragona di Salerno che ha aperto un’indagine interna per far chiarezza su quanto accaduto domenica alle prime luci del giorno al pronto soccorso dell’ospedale Fucito di Curteri di Mercato San Severino. Una denuncia choc che vede protagonista il giovane di colore che è stato trasportato da

un’ambulanza del 118 perchè accusava un dolore toracico, ma arrivato al pronto soccorso secondo quanto racconta e si ascolta da video una donna del personale santario lo avrebbe insultato invitando a tornare al suo paese ed augurandogli piu’ volte di morire. Questi i fatti raccontati dal giovane ivoriano che registrato al triage alle 2.55 ha poi lasciato il pronto soccorso alle 3.12 per recarsi al pronto soccorso di Salerno del Ruggi dove è stato trattato. Una vicenda che è stata subito presa in esame dal direttore dell’azienda ospedaliera universitaria Ruggi d’Aragona Giuseppe Longo che ha avviato tutte le verifiche per stabilire la veridicità dell’accaduto, chi siano i protagonisti e se effettivamente le voci fuori campo siano di un operatore sanitario e si rivolgano proprio al ragazzo in barella.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

1 commento su “RAZZISMO AL FUCITO? IL RUGGI AVVIA UN’INDAGINE –

    Mai satellite della lazio

    (Febbraio 25, 2019 - 1:46 pm)

    Il prato infinito dell’ignoranza e della pochezza umana dove pascolano politici e maiali di ogni genere ..se ne invontrano sempre piu’ in giro, tutti contenti del nuovo ducetto a capo del governo. Il tutto condito dall’insipienza di quelli di sinistra ..ITALIA IN ROVINA ..CHE VERGOGNA
    Siamo un popolo di Bestie con cervello e cuore inesistenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*