SALERNITANA: NUOVO SBARCO IN LAGUNA

Quattro mesi dopo, la Salernitana prepara un nuovo sbarco in Laguna. A giugno, la squadra di Menichini era con l’acqua alla gola, costretta a giocarsi la salvezza in un drammatico spareggio dopo una seconda parte di campionato a dir poco disastrosa. Quattro mesi e dieci giorni dopo, la storia è cambiata. La Salernitana arriverà a Venezia forte di tre vittorie di fila in trasferta e di un secondo posto in campionato che è un premio al lavoro fin qui svolto da Ventura e dalla squadra. E sabato, contro il Venezia di Dionisi, allenatore giovane ed alla prima esperienza in B dopo il buon percorso fatto con l’Imolese, bisognerà dare seguito a quanto fatto finora per continuare nel cammino di crescita e dimostrare che aver sfiorato la vetta solitaria della classifica non è stato un fuoco di paglia. Ventura non si è ancora lasciato alle spalle l’emergenza perchè per Jallow e Lombardi che saranno disponibili c’è da fare i conti con gli acciacchi di Cicerelli, rivelatosi pedina fondamentale nelle prime sette giornate. Akpa Akpro sarà un’addizione importante per il centrocampo, ma proprio per questo non si forzerà il suo rientro che dovrebbe avvenire per la gara interna con il Perugia, la prima, ci si augura, di una lunga serie di partite casalinghe in cui arriveranno i tre punti e, nel contempo, ci sarà spazio per i giovani, invitati ad assistere al match con gli umbri dalla società, che ha fissato in cinque euro il costo del tagliando per i distinti. Iniziative del genere vanno riproposte così da rafforzare il senso di appartenenza e la voglia di partecipare all’evento agonistico da parte delle giovani generazioni. La società deve essere fautrice di iniziative che avvicinino la gente ed in particolare i giovani e per questo deve dare un’immagine che attragga, convinca, che sia meritevole di fiducia. Missione, questa, affidata quasi in toto a Gian Piero Ventura, allenatore ed ambasciatore e si spera, da tecnico navigato qual è, anche conquistatore di traguardi per cui Salerno vuole tornare a competere.

Autore dell'articolo: Nicola Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*