SALERNITANA IN VISITA ALLO SCOGLIO DELLA PREGHIERA

Mattinata libera oggi a Roccaporena. Alberto Bollini ha deciso di concedere una mezza giornata di riposo a Rosina e compagni dopo l’amichevole di ieri pomeriggio vinta 5 a 0 contro i disoccupati dell’Umbria team 2017. Evidentemente la squadra stava accusando il peso delle due settimane di ritiro e lo smalto non era dei più brillanti. A dimostrarlo anche la sgambata di ieri in cui la squadra è apparsa un tantino ferma sulla gambe. Tutto normale di questi tempi, ci mancherebbe altro. Una mezza giornata di relax, dunque, ma non solo. Gran parte della squadra, infatti, ha fatto visita allo scoglio della preghiera di Santa Rita poco distante, ma molto in pendenza dall’Hotel Roccaporena dove i granata sono di stanza da 13 giorni. Alle 10.30 in punti tutti in marcia verso la cima dello sperone di roccia dove la Santa era solita pregare e dove è stata costruita una chiesetta nel 1919.
Un tragitto battuto da migliaia di fedeli durante l’anno che solitamente si copre in una ventina di minuti, vista l’eccessiva pendenza. I giocatori della Salernitana sono arrivati in cima per far visita allo scoglio della preghiera ed ammirare anche il panorama con tanto di vista sul campo di calcio del centro sportivo di Roccaporena dove nel pomeriggio torneranno ad allenarsi.
La seduta di lavoro è stata fissata dal tecnico con un’ora di anticipo. Tutti pronti alle 16 in punto.
Sul mercato, invece, tiene sempre banco la telenovela Maniero; Bocalon resta l’alternativa con Simy e Comi in seconda battuta. per il portiere Radunovic si chiuderà ad inizio della settimana prossima. Dall’Atalanta è previsto anche il ritorno di Leonardo Gatto.
Nei prossimi giorni previsto un summit di mercato tra Lotito, Mezzaroma ed il diesse Fabiani a Villa San Sebastiano a Roma.

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

1 commento su “SALERNITANA IN VISITA ALLO SCOGLIO DELLA PREGHIERA

    Tifoso40

    (Luglio 27, 2017 - 1:08 pm)

    Buongiorno a voi. Stiamo costruendo una discreta squadra, ma mancano due dei tre ruoli base che identificano una squadra: il portiere ed il centravanti. Da quanto ci siamo sempre detti soprattutto sul centravanti, dobbiamo aspettare. Considerato che la prima scelta e’ Maniero e visto che già due anni fa doveva venire, e’ giusto aspettare un sufficiente giocatore che aspetta chi gli offre di più, facendoci perdere solo tempo e facendoci perdere gli ultimi buoni centravanti rimasti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*