SPESA-IMPRESA? SALERNITANA SESTA PER MONTE INGAGGI

Un’equazione imperfetta. Per vincere nel calcio non basta soltanto spendere. Gli investimenti ci vogliono, ma devono essere mirati. Bisogna saperlo fare, insomma. La Gazzetta dello sport ha pubblicato oggi la classifica del monte ingaggi delle squadre di serie B. La Salernitana risulta sesta con 8milioni e mezzo per parte fissa corrisposta ai giocatori ed oltre un milione di euro alla voce premi. Il club di Lotito e Mezzaroma ha puntato molto sugli emolumenti variabili, risultando la seconda società con il monte… premi più alto della cadetteria. Il Benevento, invece, conferma il suo ruolo di leader non soltanto sul campo, ma anche nella graduatoria pubblicata dalla rosa (anche se per i sanniti pesano ancora 5-6 ingaggi pesanti ereditati dalla gestione della massima serie): in quest’ultimo caso tra emolumenti fissi (13.805.068 milioni) e premi (430.025) la formazione sannita stacca il Frosinone e la faraonica Cremonese che pure hanno investito tanto. Al quarto posto l’Empoli, prossimo avversario dei granata sabato al Castellani ed il Chievo Verona.

La Salernitana, come detto è sesta, esattamente come nella passata stagione, ma con un’importante variazione legata agli emolumenti fissi che sono stati raddoppiati rispetto all’ultimo campionato cadetto. Numeri alla mano, il monte ingaggi granata diminuisce di circa 200mila euro, ma i risultati sul campo rimangono molto simili a guardare la classifica e l’andamento della squadra di Ventura paragonata a quella che Colantuono avrebbe lasciato esattamente un anno fa (sostituito da Gregucci prima e Menichini poi).

Rimanendo a cifre e bilanci, invece, saltano agli occhi le programmazioni di squadre come Cittadella, Pordenone ed Entella. Autentiche realtà virtuose in cadetteria (a guardare il monte ingaggi) che navigano nelle zone nobili della classifica. Un esempio su tutti il Cittadella di Venturato. La formazione veneta, dopo avere sfiorato la promozione in massima serie lo scorso anno, sfumata solo nella finalissima al Bentegodi di Verona contro l’Hellas, ha ceduto la gran parte dei giocatori che fecero comunque l’impresa di arrivare ad un passo dalla promozione. Anche quest’anno, però, il diesse Marchetti ha messo a disposizione di Venturato un manipolo di ragazzi provenienti dalle categorie inferiori che “costano” appena 3 milioni di euro di ingaggi. Il Cittadella è in piena zona play off, ma quello che più conta risulta la squadra di B con il monte ingaggi più basso della categoria…

 

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*