TENTATO OMICIDIO, EMILIA STA MEGLIO –

Resta in prognosi riservata, Emilia David, la 37enne di origini rumene che è giunta ieri sera in condizioni disperate al pronto soccorso del Ruggi d’Aragona dopo essere stata colpita dal suo ex, Giuseppe Ingenito, 63 anni, infermiere presso la stessa azienda ospedaliera. La donna è stata sottoposta ad un delicato intervento di cardiochirurgia perché il coltello con il quale il suo ex l’ha colpita ha lesionato il ventricolo destro del cuore. Come diramato nel bollettino medico dell’ospedale, la donna, che respira in maniera autonoma, è vigile e non ha subito danni neurologici, né ulteriori ferite gravi. Intanto, il suo carnefice è stato

arrestato. Il tentato omicidio è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, giorno di Pasquetta in via generale Clark, nella zona orientale di Salerno. Dopo una relazione durata cinque anni, Emilia aveva interrotto il rapporto con il suo ex che invece con voleva arrendersi alla fine della relazione. Ieri, ha visto la coppia, l’ha seguita e bloccata. Probabilmente ha perso la testa e l’ha aggredita con violenza senza lasciare il tempo di reagire. Si è intrufolato nell’abitacolo della vettura a bordo della quale si trovava la donna con il compagno e ha colpito l’ex con una coltellata. Tra i primi a prestare soccorso un carabiniere libero dal servizio, in organico alla tenenza di Melito di Napoli, il quale è subito intervenuto credendo, in un primo momento, che si trattasse di una lite. Emilia non aveva mai denunciato il suo aggressore sul cui capo però pendeva una denuncia di stalking per una precedente relazione con divieto di avvicinamento ad una donna italiana con la quale era stato legato sentimentalmente. Sono i carabinieri ad indagare per ricostruire tutta la dinamica.

Autore dell'articolo: Monica Di Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*