UN VALZER A BENEVENTO. LA CARICA DEI MILLE

Gli ultimi allenamenti prima dell’esordio ufficiale. Giuseppe Sannino sta preparando a Castel di Lama in provincia di Ascoli Piceno il derby con il Benevento che segna l’avvio ufficiale della nuova stagione per la Salernitana. Domenica sera al Vigorito i granata affronteranno gli stregoni nel secondo turno eliminatorio della coppa Italia Tim. Una partita delicata, difficile, e non soltanto per via del derby e delle ambizioni del club sannita che non ha badato a spese finora nella campagna rafforzamento dopo essere stato promosso per la prima volta in serie B.
La Salernitana si ritrova con gli uomini contati a centrocampo. Tra squalifiche e indisponibilità, dettate dal mancato tesseramento di alcuni elementi, dall’attesa spasmodica di altri e dalle perplessità – legittime – che possano essersi eventualmente incuneate nella mente del tecnico in questi 20 giorni di ritiro su alcuni elementi in “prova”, si rischia un valzer di pedine in mediana per raggiungere il numero richiesto dal tecnico. Non dovesse arrivare il transfert per Busellato, che in ogni caso verrebbe buttato nella mischia con soli due allenamenti in granata, il professore di Ottaviano sarebbe costretto a reinventare il centrocampo. In tal caso la Salernitana giocherebbe con un 4-4-2 in cui almeno due elementi giocherebbero fuori ruolo o quasi. Davanti a Terracciano, infatti, Tuia sarebbe costretto ad adattarsi sulla corsia di destra, con Schiavi e Bernardini al centro e Vitale sull’out mancino. In mediana Laverone avanzerebbe sulla corsia di destra, Moro e Zito i superstiti al centro con Caccavallo dirottato sull’out mancino. In avanti, invece, inamovibile, ma anche insostituibile – proprio perché privo di sostituzioni – il tandem offensivo composto dai gemelli del gol Coda-Donnarumma.
Al Ciro Vigorito domenica sera la Salernitana sarà scortata da mille tifosi. Tanti quanti i biglietti messi a disposizione dal club sannita per il settore ospiti. I supporter granata hanno preso d’assalto le ricevitorie abilitate, polverizzando in pochissimo tempo i biglietti disponibili per la prima dell’ippocampo nella nuova stagione che sta per cominciare. Ancora una volta la tifoseria granata si conferma una certezza assoluta.

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta