VIOLENZA CONTRO LE DONNE, “AMARO E’ ‘O BENE” –

Dolorosa la fine di molte donne, ma il messaggio che passa è di trovare il coraggio per denunciare. Si apre così con l’intervista ad una ragazza sotto scorta perchè ha fatto arrestare 6 dei suoi aguzzini con il video-documentario “Amaro è o bene” realizzato dai musicisti salernitani Claudio e Diana, musicisti salernitani, che piu’ volte hanno analizzato tematiche importanti, usando brani del repertorio classico napoletano per accompagnare i loro video.
Da ragazzina era diventata preda di un gruppo di boss del paese, lei ha sopportato le violenze per molti anni, fino a quando il capo non le ha chiesto di portare la sorella piccola. E’ allora che ha deciso di denunciare, perchè non poteva sopportare tale dolore.
partendo da questa denuncia riflessione questa mattina in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che ricorre il 25 novembre, l’Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano (Sa) ha scelto il video realizzato dagli artisti salernitani Claudio e Diana dal titolo “Amaro è o’bene per aprire il dibattito sull’iniziativa “Passi di libertà” per continuare a tenere i riflettori accesi su una questione sociale e culturale purtroppo di tragica attualità. Per la giornata organizzata dalla scuola anche l’esposizione dei lavori realizzati dagli alunni della Scuola secondaria di Primo grado, In particolare, alcuni lavoriche ricordano le tre sorelle Mirabal, assassinate nel 1960 nella Repubblica Dominicana per il loro impegno politico contro l’allora dittatore Trujillo.
Il brano Amaro è ‘o bene è una perla del repertorio classico napoletano, scritto molto probabilmente tra il ‘500 e il ‘700 da un autore anonimo. Al contrabbasso c’è Rino Zurzolo, che arricchisce la schiera dei musicisti di Pino Daniele con i quali Claudio De Bartolomeis e Diana Ronca hanno avuto il privilegio di collaborare.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*