ARTIGIANATO, ANCHE DOPO LA FINE DEL LOCKDOWN CONTINUANO LE RICHIESTE DI CASSA INTEGRAZIONE

Sono 7326 le aziende dell’Artigianato che, in Campania, hanno fatto richiesta di cassa integrazione per i propri dipendenti ad Ebac Campania che continua a registrare, secondo il report di oggi martedì 26 maggio, nuove richieste, anche a lockdown terminato e ripresa delle attività produttive. Nel dettaglio provinciale da Napoli e provincia sono giunte 3095 domande di adesione, da Salerno 2028, Caserta 915, 855 da Avellino e 433 da Benevento. Nella maggior parte dei casi si tratta di aziende che, in un primo momento, avevano richiesto, sbagliando, alla Regione Campania gli ammortizzatori sociali per i dipendenti, anche se, da mesi a questa parte, viene ribadito da tutti gli interlocutori istituzionali che, per il settore dell’Artigianato, indipendentemente dal numero dei lavoratori, il riferimento è Fsba. Per questo, anche l’Ebac ricorda, ancora una volta, a tutti i consulenti che, per questo comparto, solo Fsba può intervenire. “Con questa pandemia abbiamo avuto l’opportunità di consolidare il sistema bilaterale perché il governo ha riconosciuto il ruolo di Fsba, assegnando i fondi per il pagamento dei lavoratori – ha dichiarato il neo direttore di EBNA, Valter Recchia interloquendo con il direttore di Ebac Campania, Bruno Milo- il decreto rilancio ha assegnato circa 800 milioni a Fsba ed ulteriori cinque settimane di cassa integrazione da subito ed altre quattro settimane da settembre. Ma ci preoccupano i tempi burocratici di trasferimento delle risorse. Noi auspichiamo che siano i più veloci possibili, per consentirci di completare marzo e pagare il mese di aprile. Poi saranno necessari da parte del governo ulteriori stanziamenti”.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*