COL FIATO CORTO AL GIRO DI BOA, ORA LA SALERNITANA DEVE DECIDERE COSA FARE DA GRANDE

Ventisei punti in classifica, a quattro dalla zona playoff e con tre di vantaggio su quella playout, la Salernitana giunge alla sosta col fiato corto e con le idee annebbiate. La serie positiva di dodici gare firmata da Bollini nel periodo di massima emergenza è una sorta di assicurazione sulla vita, nel senso che ha permesso alla Salernitana di tenersi fuori dalle secche della bassa classifica e di galleggiare nella pancia del gruppo. E’ stato proprio quando il gruppo granata s’è trovato proiettato un po’ più vicino alla vetta che sono venuti al pettine tutti i nodi perchè proprio allora ci sarebbe voluto un salto di qualità che non è nelle corde della rosa attuale sia dal punto di vista tecnico sia caratteriale. Del resto, se è vero che festeggiare con un pizzico di goliardia qualche vittoria particolarmente significativa è anche lecito, è altrettanto vero che proprio alcune manifestazioni di eccessiva euforia per dei traguardi parziali tagliati sono la riprova della scarsa abitudine a vincere che differenzia le squadre che sanno quale sia la loro dimensione da quelle che vivono alla giornata. E la Salernitana è tra queste,m nonostante Lotito e Fabiani le abbiano appiccicato con ostinazione l’etichetta di fuoriserie, di squadra da playoff, facendo scontare a Bollini, attraverso l’esonero, colpe solo in parte sue e, comunque, circoscritte ad un periodo limitato, visto che, dopo un intero girone di andata, i punti conquistati sono lo specchio fedele del valore dell’organico allestito in estate con le più volte evidenziate lacune e contraddizioni in cui è caduto ben presto anche Colantuono, che a Palermo ha provato a cambiare registro propinando alla squadra il 3-5-2 che era stata la ricetta contro l’emergenza di Bollini. Eppure, il nuovo allenatore aveva avuto la felice intuizione di schierare Kyine come rifinitore, ma il marocchino è rimasto in panca a Palermo anche dopo lo svantaggio. E’ vero che la Salernitana si è trovata a dover fronteggiare l’inferiorità numerica, ma è pur vero che non c’era nulla da perdere e, dunque, l’inserimento di un elemento offensivo, che fosse Kyine o Sprocati o anche Alex il discorso non cambia, appariva inevitabile ed invece Colantuono ha atteso il raddoppio dei padroni di casa prima di concedere otto inutili minuti a Sprocati. Ora c’è la sosta che arriva opportuna perchè la Salernitana deve rigenerarsi sotto tutti i punti di vista, chiarendo gli equivoci che si trascina dietro da troppo tempo. Su tutti quello legato a Rosina, in campo a sorpresa col Foggia, e  non convocato per la gara di Palermo al pari di Popescu, Asmah e degli infortunati Schiavi e Gatto, oltre a quelli di lungo corso. Insomma, c’è da tirare una linea e programmare un girone di ritorno da vertice, se le ambizioni della proprietà sono quelle di centrare i playoff. Il campo ha detto senza tema di smentite che all’appello mancano un attaccante in grado di dare peso, gol e profondità, ed innesti di un certo spessore a centrocampo dove Signorelli continua ad arrancare. Tre punti in tre partite, due moduli utilizzati e qualche scelta non proprio condivisibile: l’avventura di Stefano Colantuono in granata ha avuto un avvio da montagne russe ed anche per il tecnico la sosta sarà un periodo importante per conoscere meglio la squadra, chiedere i rinforzi adeguati e tracciare una precisa direzione tattica. Arrivata al giro di boa con le pile scariche, la Salernitana deve ricaricarsi e, soprattutto, decidere una volta e per tutte cosa voglia fare da grande.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Nicola Roberto

1811 stories / Browse all stories

Related Stories »

meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO