DA DOMANI RIPARTE “VIAGGIO NEI QUARTIERI”

Dare voce alla gente, ai residenti, a chi vive la città e ha pieno titolo per parlare del quartiere dove abita, per denunciare disagi, ma anche per illustrare proposte migliorative o ipotesi utili a garantire una città più a misura di tutti. Da anni ormai è questo in sintesi l’obiettivo di Viaggio nei Quartieri, l’appuntamento settimanale che porta le telecamere di Tv Oggi in giro tra i diversi rioni della città di salerno per ascoltare la gente, per raccontare storie, per suggerire interventi. Dopo ‘edizioned ello scrso anno che ha messo in pirmo piano il punto di vista dei ragazzi dei quartieri, attraverso la sinergia e l’opsitalità con le scuole, anche quest’anno la trasmisisone, rigorosamente in diretta, a partire dalle 14,45 del mercoledì, si alternerà tra strada ed aule alla ricerca dei pareri di tutte le età per descrivere la città , ed anche per mettere in luce punti bui. Prima tappa di questa edizione sarà il tormentano quartiere di Sant’Eustachio balzato agli onori della cronaca per diverse proteste che hanno riguardato i residenti. In primo piano proprio la scuola dell’infanzia che rientra nell’istituto comprensivo Quasimodo Alfano primo. Le mamme chedono interventi strutturali all’edificio perchè preoccupate da alcuni segnali di cedimento.  E poi resta attuale, ad una settimana dall’ ultma messa, la questione di padre Max, il vice parroco trasferito contro la volontà della maggioranza dei fedeli che in più modi ed attraverso varie proteste avevano chiesto alla Curia di rivedere la decisione. Infine il caso dei campetti di calcio realizzati e poi smantellati per dare posto al luogo di culto della chiesa evangelica, insomma tanti spunti per raccontare i quartieri, tappa dopo tappa,  con la tradizionale formula di Viaggio nei Quartieri, voce ai residenti spazio alle idee e a chi ha voglia di rendere migliore la città.

Autore dell'articolo: Monica Di Mauro

1 commento su “DA DOMANI RIPARTE “VIAGGIO NEI QUARTIERI”

    franco manzo

    (Ottobre 10, 2015 - 11:51 am)

    Abito alla via calata San Vito altezza ponte di fratte, vorrei sapere se è giusto e civile che ogni volta che piove il tratto della lungoirno in questione diventa un enorme pantano. Inoltre le persone ivi residenti non possono uscire dal portone. Certo di un vostro interessamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*