DE LUCA INCONTRA I GENITORI DELLA GIOVANE ARIANNA

“Abbiamo incontrato questa mattina a Palazzo Santa Lucia, insieme al direttore generale del Cardarelli, i genitori della piccola Arianna accompagnati dal proprio legale. Abbiamo voluto innanzitutto esprimere la nostra solidarietà e vicinanza alla famiglia che affronta quotidianamente la gravità e le gravi problematiche della malattia. A loro abbiamo manifestato la volontà piena di affrontare e risolvere in tempi rapidi una vicenda che risale a 15 anni fa. A prescindere dall’iter giudiziario, ho comunicato alla famiglia e al direttore generale, che fermo restando le diversità di responsabilità e competenze, è opportuno affrontare il caso che si trascina da troppi anni con caratteristiche di gravità estrema per labambina e per la famiglia. Quindi verificheremo con il nostro ufficio legislativo e le strutture tecniche, l’ipotesi di un atto transattivo che possa dare da subito una risposta importante alla famiglia. In questa ipotesi, è evidente che sarà superato ogni iter giudiziario e si valuterà il contenuto dell’atto transattivo tenendo conto della sentenza di primo grado. La famiglia ha apprezzato e condiviso questa ipotesi di lavoro. Ci impegneremo nei prossimi giorni a concretizzarla”. Così con un post il governatore della Campania a margine dell’incontro sollecitato piu’ volte dai genitori Matilde Memoli ed Eugenio Manzo, insieme ad Arianna e all’altro figlio, anche attraverso i nostri microfoni qualche giorno fa con il presidio e l’inizio dello sciopero della fame dinanzi alla Cittadella Giudiziaria di Salerno.La piccola, di Cava de’ Tirreni, che oggi ha quindici anni, è diventata tetraplegica dopo una cura all’ospedale Cardarelli di Napoli quando aveva 2 mesi e mezzo in seguito ad una bronchiolite. La prima sezione civile del tribunale di Salerno avrebbe dovuto esprimersi, dal 25 giugno scorso, sulla richiesta di sospensiva del pagamento presentata dal Cardarelli, condannato in primo grado a versare un risarcimento di 3 milioni di euro.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*