LOMBARDI OUT, VENTURA CERCA LA FRECCIA PER RIPRENDERE QUOTA

Cristiano Lombardi è stato squalificato per due giornate dal giudice sportivo in seguito al rosso diretto rimediato nel match con la Cremonese. Fermato per due giornate anche il team manager Avallone per il diverbio con il tecnico della Cremonese, Bisoli ( a sua volta, fermato per un turno), dopo l’assegnazione del secondo calcio di rigore ai granata. Dopo aver pareggiato con la Cremonese in casa, la squadra di Ventura sfiderà, sempre all’Arechi, la Juve Stabia nel derby in programma venerdì sera alle 21 e, una settimana dopo, sarà di scena sul campo dell’Ascoli, recentemente passato sotto la guida di Davide Dionigi. All’orizzonte ci sono due gare che diranno molto in vista del rush finale. Contro la Juve Stabia la Salernitana dovrà invertire il trend casalingo, provando a ritrovare la vittoria che manca dal match col Venezia. Ventura dovrà farlo senza Lombardi, che aveva saltato per squalifica la trasferta di Chiavari. La sua assenza appare piuttosto pesante anche alla luce degli acciacchi di Cicerelli, mai impiegato dopo la ripresa del campionato, e di Kiyine, in panca ma solo per onor di firma con la Cremonese, a causa di un fastidio muscolare al quadricipite che ne aveva condizionato anche la prova a Chiavari. Ieri i due hanno lavorato al Mary Rosy col gruppo dei calciatori non impegnati nel match con la Cremonese. Ventura cerca la freccia a destra, mentre a sinistra sceglierà tra Lopez e Curcio. In difesa il ritorno dal primo minuto di Aya dovrebbe comportare anche il ritorno al vecchio assetto con i tre centrali. Migliorini e Jaroszisnkj completeranno il reparto arretrato. In attacco Djuric, sebbene apparso stanco contro la Cremonese, dovrebbe partire ancora una volta titolare. Cerci e Jallow si candidano per una maglia e non è detto che non possano giocare entrambi dall’inizio, magari per comporre un tridente inedito. Ventura tiene calda l’ipotesi 3-4-3 in cui Akpa Akpro affiancherebbe uno tra Dziczek e Di Tacchio in mediana. Col classico 3-5-2, invece, Kiyine potrebbe tornare in mezzo al campo, nel caso in cui a destra fosse disponibile Cicerelli. Col marocchino sulla fascia, invece, in mediana Maistro potrebbe godere di una nuova opportunità dal momento che Capezzi non pare ancora prontissimo ed un trio centrale composto da Akpa, Di Tacchio e Dziczek comporterebbe il sacrificio del polacco nel ruolo a lui meno congeniale di mezz’ala. Il tecnico genovese valuterà tutte le soluzioni a sua disposizione, ben sapendo che venerdì solo la vittoria terrebbe davvero in corsa la Salernitana per l’obiettivo playoff.

Autore dell'articolo: Nicola Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*