LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE, SEQUESTRA BENI PER 600MILA EURO AD UN “FALSO” IMPRENDITORE AGRICOLO

La Guardia di Finanza di Salerno, su disposizione della locale Procura della Repubblica, ha eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, nei confronti di un imprenditore di Battipaglia, per il reato di dichiarazione fiscale fraudolenta.
Il provvedimento, emesso dal GIP del Tribunale di Salerno, scaturisce da un controllo dei
Finanzieri della Tenenza di Battipaglia nei confronti di un agricoltore, dedito alla
produzione e commercializzazione di agrumi, il quale, avvalendosi della qualifica di
imprenditore agricolo, in tre anni ha omesso di dichiarare al Fisco ricavi per oltre 1,4
milioni di euro.
Sosteneva infatti di essere a tutti gli effetti un semplice contadino, in quanto dichiarava di
coltivare i terreni nella disponibilità per poi rivendere i soli prodotti raccolti nei suoi campi.
In questo modo, beneficiava delle agevolazioni fiscali del regime speciale dell’agricoltura,
che consente la determinazione del reddito sulla base della rendita catastale, in maniera
forfettaria, in questo caso pari a poche centinaia di euro all’anno.
I militari, partendo dalle ingenti quantità di agrumi commercializzati (oltre 5.000 quintali nel triennio dal 2015 al 2017), a fronte dell’unico terreno effettivamente destinato a questa coltivazione (con una superficie di appena 1,7 ettari), hanno ricostruito che la gran parte della frutta veniva invece acquistata da altri agricoltori. Addirittura, nel caso dei cedri, venivano venduti senza avere piantato neanche un albero.
Le incongruenze rilevate hanno portato le Fiamme Gialle salernitane a riqualificare l’attività dell’imprenditore, rideterminando in maniera analitica il reddito imponibile e facendo emergere un’evasione fiscale di circa 600.000 euro.
Per garantire il pagamento del debito nei confronti dell’Erario, sono stati così posti sotto sequestro liquidità e titoli nella disponibilità dell’indagato per un valore complessivo di pari importo.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*