QUARANT’ANNI DOPO PEPPINO IMPASTATO. LOTTA ALLE MAFIE E ALLE CAMORRE

QUARANT’ANNI DOPO PEPPINO IMPASTATO. LA LOTTA ALLE MAFIE E ALLE CAMORRE OGGI. A CHE PUNTO SIAMO?

Questo è il titolo  scelto per l’ che si terrà venerdì 9 novembre alle ore 17,00 alla Fondazione Menna. I lavori, che inizieranno con la proiezione di “Munnizza”, un cortometraggio di Licio Esposito (si allega scheda), saranno introdotti da Angelo Orientale e coordinati dal giornalista Massimiliano Amato. Ci saranno gli interventi del dott. Claudio Tringali (Presidente Fondazione Menna), dei professori Ravveduto (università di Salerno), Luciano Brancaccio (università Federico II di Napoli), di Giovanni Russo Spena (direttivo nazionale Comitato per la Difesa della Costituzione)e del dott. Umberto Santino, Presidente del Centro di Documentazione Siciliano “Giuseppe Impastato”.

Segnaliamo che il dott. Umberto Santino ha scritto, tra l’altro, anche “Peppino Impastato. Anatomia di un depistaggio”, Editori Riuniti. In quel libro ha pubblicato la relazione della Commissione parlamentare Antimafia presentata da Giovanni Russo Spena  arricchendola con ulteriori scritti suoi, di Giovanni Impastato( fratello di Peppino) e dello stesso Giovanni Russo Spena.

Quindi con tale iniziativa vorremmo, partendo proprio dalla storia di Peppino Impastato,  riaprire un tema scarsamente “toccato” nel nostro Paese e nella nostra provincia: la lotta alle mafie e alle camorre. Una lotta che non può essere solo delegata all’ottimo lavoro della Magistratura e delle forze di polizia. Senza il supporto dello Stato, a partire dalle politiche del Governo e del Parlamento, ma soprattutto senza una presenza costante e una attenzione “dell’antimafia sociale” cioè una antimafia fatta da gruppi, associazioni, forze sociali e politiche duratura, costante nel tempo non solo per la denuncia ma con azioni, progetti e idee che vadano verso proposte di “cambiamento” vero delle nostre città, della nostra economia, della nostra società.  Si allega locandina iniziativa e scheda del cortometraggio “Munnizza” di Licio Esposito.

Peppino Impastato, ucciso due volte, prima dalla lupara mafiosa del clan Badalamenti, poi dai depistaggi e dall’inefficienza sospetta di polizia e magistratura. Un giovane eroe dei nostri tempi che ha combattuto a viso aperto e senza tentennamenti la piovra mafiosa. Egli fin da giovanissimo, a 17 anni, abbracciò la causa della sua gente di Sicilia e si impegnò in una vera e propria lotta di liberazione della sua gente dalla cappa democristiana e dai suoi torbidi legami con la mafia. Sono tanti gli episodi del suo intenso e purtroppo breve impegno politico: dall’iscrizione al Psiup, alla fondazione di un giornale ciclostilato L’idea socialista sul quale uscì un titolo che era una aperta sfida a quei poteri mafiosi e politici che lo avrebbero vigliaccamente ucciso: La mafia è una montagna di merda.  Più tardi avrebbe fondato anche Radio Aut  per denunciare quotidianamente i delitti e le collusioni affaristiche della mafia con la DC e i suoi partiti satelliti. Il suo spirito libertario lo indusse ad aderire a Lotta Continua, spinto dal convincimento (era il post 68) che solo l’alleanza movimenti giovanili-operai potesse costituire un baluardo contro le commistioni tra politica corrotta e mafia. Qualcuno giustamente ha paragonato Peppino Impastato a Che Guevara, giacché di quest’ultimo aveva lo stesso impavido coraggio nel denunciare e combattere a viso aperto e senza indietreggiare i mafiosi, i corrotti, i collusi. Quando in un volantino definì Badalamenti “Viso pallido esperto in lupara e traffico di eroina” fu decisa ed eseguita la sua condanna a morte. Fu eletto e nominato post mortem consigliere comunale di Cinisi per la lista di Democrazia Proletaria con 260 voti.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Barbara Albero

1658 stories / Browse all stories

Related Stories »

meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO