SALERNITANA: UN PUNTO PER RIPARTIRE

Un punto che sta stretto, ma che può aprire uno spiraglio nella risalita in classifica della Salernitana. Contro il Crotone la squadra di Menichini ha giocato col piglio giusto, con la voglia e la determinazione che non possono mancare a chi lotta per la salvezza. Avesse concretizzato le tante occasioni create nei primi venti minuti di gioco, la Salernitana avrebbe potuto, probabilmente, centrare i tre punti e ricucire lo strappo nei confronti delle dirette concorrenti. Le parate di Cordaz, il palo colpito da Donnarumma e qualche imprecisione nella mira hanno impedito ai granata di conquistare l’intera posta in palio e poco ci è mancato che si materializzasse la più atroce delle beffe. Non solo il Crotone era passato in vantaggio al primo affondo, sfruttando anche una distrazione difensiva dei granata, ma, nel finale, Palladino s’era involato verso la porta di Terracciano trovando sulla sua strada proprio il portiere granata che l’abbatteva senza tanti complimenti, rimediando un rosso quanto mai opportuno nella circostanza. La Salernitana chiudeva con Ceccarelli in porta e Moro quasi fermo in mezzo al campo perchè vittima di crampi. Insomma, alla fine, quella che sembrava una vittoria sfumata poteva tramutarsi in un ko che avrebbe avuto conseguenze pesantissime sul morale. La Salernitana vista ieri all’Arechi è stata la migliore della stagione. Il 4-4-2 ha funzionato tanto che sulle corsie laterali il Crotone ha trovato più difficoltà del solito ad esprimere il suo gioco. Gatto ha avuto un ottimo impatto sulla destra, mentre a sinistra Oikonomidis si è spesso accentrato per giocare tra le linee e combinare con Coda e Donnarumma. I due attaccanti granata hanno messo in grande difficoltà la rimaneggiata difesa ospite. Dopo il gol dei calabresi, la Salernitana ha subito replicato pareggiando meritatamente con Coda. Nella ripresa la squadra di casa ha prodotto il massimo sforzo a cavallo dell’ora di gioco, trovando un Cordaz insuperabile. Il finale poteva riservare una beffa che per fortuna non c’è stata. Ora la Salernitana deve continuare su questa strada e ripetere anche in trasferta la prova fornita ieri. A Trapani sarà la gara della verità.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*