TABLET ALL’OSPEDALE “RUGGI” DI SALERNO. LA DONAZIONE DELL’AVVOCATO MICHELE SARNO –

Essere ammalati di Covid-19 e ricoverati in ospedale durante questi giorni difficili significa essere soli. Non sono consentite visite dei parenti né contatti, le  giornate sono interminabili. Per questo l’avvocato salernitano Michele Sarno,  Presidente Emerito della Camera Penale di Salerno, ha donato all’Azienda Ospedaliera Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno cinque tablet.

In questo modo, riprendendo l’hashtag #Iostoconchinonpuò, l’obiettivo è quello di riuscire a mantenere un collegamento con i familiari.

L’avvocato penalista Michele Sarno, ha consegnato i supporti informatici al dr. Rosario Pacifico, dirigente del reparto di Pediatria del’ospedale “Ruggi”,   il quale ha ringraziato per questo gesto anche a nome del commissario straordinario dell’AOU, il dr. Vincenzo D’Amato e dei colleghi dei reparti cui saranno assegnati i tablet.

“In occasione di questa triste pandemia che ha colpito brutalmente il nostro Paese, al netto delle frasi di circostanza e della formale riconoscenza nei confronti di chi, con il proprio contributo e rischiando la propria incolumità, sta combattendo in prima linea, ho avvertito la forte necessità, nel mio piccolo, di dare un contributo effettivo”.

E’ quanto ha scritto l’avvocato Michele Sarno in una lettera indirizzata al Commissario straordinario  D’Amato e al dr. Pacifico, che ha accompagnato la donazione dei cinque tablet con lo scopo che possano contribuire a creare le condizioni di contatto con i propri cari, a chi oggi è costretto in un letto di ospedale.

Questa azione  di solidarietà #Iostoconchinonpuò, fa seguito alla donazione di buoni spesa che ogni settimana l’avvocato Sarno riserva,  presso il Supermercato Conad di Salerno sito a Porta Rotese,  a favore delle famiglie bisognose e meno abbienti della nostra comunità.

 

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*