UNA PANCHINA INSTABILE: ANCHE COLANTUONO NON SFUGGE ALLA REGOLA DEL DUE

Una panchina per due. Su quella della Salernitana, ormai, ogni anno siedono almeno due allenatori. C’è chi inizia e chi conclude la stagione, ma c’è stato anche chi non ha praticamente nemmeno cominciato. Nell’era Lotito- Mezzaroma soltanto Carlo Perrone è durato per un campionato interno, ma, in verità, quello era il Salerno Calcio che vinse il campionato di serie D. Poi, dopo l’addio del tecnico romano, la panca della squadra, che nel frattempo aveva recuperato colore e denominazione, tornando a vestire il granata, non ha più avuto pace. Galderisi, poi di nuovo Perrone nella stagione del ritorno in Prima Divisione. Ed ancora, dopo i ripensamenti prima della partenza per il ritiro del tecnico artefice delle due promozioni, ecco Sanderra che durò poco e fu sostituito da Perrone, poi sollevato dall’incarico dopo il ritorno nel ruolo di direttore sportivo di Fabiani che scelse Gregucci. Il trainer pugliese vinse la Coppa Italia, ma non fu confermato. Nell’estate 2014 salì sulla giostra granata Mario Somma, dimessosi ad un paio di settimane dal via del campionato per divergenze, per usare un eufemismo, con Fabiani. Ed ecco, Leonardo Menichini che, nonostante le critiche ed un rapporto mai decollato col diesse Fabiani, conquistò la promozione in serie B ed ovviamente non fu riconfermato. La giostra continuò a girare e fu il turno di Vincenzo Torrente che, pur di allenare la Salernitana, rinunciò finanche al suo staff. Esonero scritto in partenza e puntualmente avvenuto all’inizio del girone di ritorno quando Lotito si affidò di nuovo a Menichini. L’estate seguente, toccò a Sannino, chiamato a rimpiazzare Simone Inzaghi che il patron aveva deciso di mandare a Salerno e che, poi, dopo il famoso dietrofront di Bielsa, rimase a Formello. Sannino, invece, non durò molto sulla panca granata. A fine novembre, infatti, rassegnò le dimissioni e fu sostituito da Bollini. L’ex trainer della Primavera laziale rimase dodici mesi in carica, rimpiazzato un anno fa da Colantuono che, dopo un anno in sella, ha deciso di scendere dalla giostra. Salerno piazza difficile per gli allenatori? Forse sì, forse no. Lotito e Mezzaroma ne hanno cambiati tanti e, dopo il ritorno di Fabiani, l’altalena in panca è diventata la regola. Che neanche Colantuono, solo in apparenza blindato da un contratto lungo ed oneroso, fosse al sicuro non era, poi, così difficile da intuire. Dal mercato alla stretta attualità, in fondo, tutto era scritto perchè il copione non cambia mai. Al massimo, cambiano gli attori e le comparse.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Nicola Roberto

1809 stories / Browse all stories

Related Stories »

meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO