4-4-2 IN COPPA CONTRO IL SUDTIROL CON VISTA SU MARASSI…

La Salernitana domani ospita il Sudtirol allo stadio Arechi, nel secondo turno eliminatorio di coppa Italia. Castori vuole passare il turno per rodare i meccanismi e al tempo stesso giocarsi l’importante vetrina di Marassi contro la Sampdoria. Contro gli altoatesini, la squadra cambierà modulo ed anche qualche pedina. Un mezzo turnover, insomma. L’impressione è che Castori intenda affidarsi al 4-4-2 che era stato costretto a mettere subito nel cassetto sabato scorso con la Reggina per via delle tante assenze in mediana. Con il rientro di Gyomber in difesa e Di Tacchio a centrocampo, la Salernitana dovrebbe schierarsi con 4 difensori davanti a Belec, altrettanti centrocampisti e due punte. Stando a quanto emerso dall’allenamento di ieri pomeriggio, infatti, in difesa dovrebbero agire Casasola e Curcio sulle fasce con Gyomber ed uno tra Aya e Veseli al centro del pacchetto arretrato. In mediana, invece, possibile chance dal primo minuto per Cristiano Lombardi che agirà sulla destra con Cicerelli dalla parte opposta. A chiudere la cerniera del centrocampo, capitan Di Tacchio e Schiavone.

Per quanto riguarda il tandem offensivo, Gondo si riprende una maglia da titolare e dovrebbe far coppia con Tutino. L’ex Napoli, però, potrebbe anche rifiatare. In tal caso sarebbe pronto Giannetti a far coppia con Gondo. Sicuramente Djuric sarà risparmiato in vista dell’impegno di campionato con il Chievo al Bentegodi in programma sabato prossimo. Oggi la seduta di rifinitura avrà dovuto sciogliere gioco forza le riserve.

Le prove tecniche di ieri si son svolte sull’erba sintetica, per cause di forza maggiore. L’allerta meteo e l’abbondante pioggia caduta nelle ultime ore in città hanno costretto, infatti, la Salernitana a stravolgere il proprio programma di allenamento. La squadra granata ha dovuto trasferirsi ieri al Volpe, su fondo sintetico. Impraticabile il terreno di gioco nelle altre strutture solitamente frequentate, sotto osservazione il manto erboso dello stadio Arechi, da preservare. Il campo Volpe, che è parte integrante dell’accordo Comune-Salernitana e che ha spesso ospitato in passato gli allenamenti della prima squadra, era diventato da qualche tempo la «casa» del settore giovanile. Veniva utilizzato dagli allenatori che si sono alternati alla guida dell’ippocampo soltanto per preparare partite da giocare in trasferta su erba artificiale, prima delle trasferte di Trapani, Chiavari, Castellammare di Stabia, con l’obiettivo di simulare le stesse condizioni di gioco, lo stesso rimbalzo del pallone. Stavolta si giocherà all’Arechi ma il Volpe, nelle ore dell’emergenza, è tornato utile a Castori.

Autore dell'articolo: Eugenio Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*