FURTI BRIGNANO, NUOVO COLPO IN APPARTAMENTO –

Hanno scavalcato due giardini per raggiungerne un altro che gli avrebbe permesso di entrare in un appartamento, hanno spostato le telecamere ma il cigolio di un cancelletto ha richiamato l’attenzione di una signora al piano superiore dello stabile di Via Brignano che ha urlato mettendoli un fuga. Ladri nuovamente in azione ieri sera nella zona collinare della città negli stabili della cooperativa Consorzio Casa dove poco prima delle 20 due giovani  sono stati messi in fuga mentre tentavano di aggrapparsi ad un balcone. Ma il tentativo sventato grazie ai residenti che ormai fungono da vigilanti del quartiere da tempo sotto assedio dei ladri, ha avuto un suo epilogo poco piu’ tardi. Sebbene alle ore 20 siano giunti i carabinieri sul posto allertati per la presenza dei malviventi, l’allarme sembrava rientrato, ma non è stato così perchè gli ospiti sgraditi hanno semplicemente cambiato obiettivo concentrandosi si un appartamento vicino dello stesso agglomerato residenziale.

Intorno alla mezzanotte i proprietari di una casa residenti nella palazzina poco distante sempre in via Brignano al loro rientro hanno scoperto che il loro appartamento era stata visitato da malviventi. Tutto messo a soqquadro . I ladri hanno portato via oro e denaro contante. Quello di stanotte è solo l’ultimo di una serie di furti, almeno una dozzina , che sta interessando in modo particolare i residenti di via Brignano dove l’assenza totale di illuminazione e le diverse vie di fuga rese agevoli da strade sterrate del cantiere aperto facilitano la presenza costante di ladri d’appartamento. Una situazione che però rischia di degenerare perchè i cittadini sono spaventati e seppur abbiano chiesto invano di essere ricevuti dal sindaco di Salerno richiamando un’attenzione delle forze dell’ordine a vigilare in maniera piu’ capillare il territorio potrebbero autonomamente reagire in maniera incontrollata con seri rischi per la vita e l’incolumità delle persone.

Autore dell'articolo: Barbara Albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*