IL CALCIO VERSO UN NUOVO STOP: DOMANI IL CONSIGLIO FEDERALE

Entrambi ammoniti al Curi, Jallow e Gondo salteranno per squalifica la prossima gara della Salernitana. Stando al calendario stilato in estate, i granata dovrebbero scendere in campo venerdì sera all’Arechi per affrontare il Pisa. Condizionale quanto mai d’obbligo perchè sulla circostanza che il calcio vada avanti ci sono molti dubbi. Già ieri, la serie A è stata vicina ad uno stop clamoroso visto che prima di Parma- Spal è andato in scena il solito balletto delle responsabilità con la Lega da una parte ed il Ministro dello Sport dall’altra ed in mezzo l’Assocalciatori. Alla fine si è giocato in stadi vuoti, ma potrebbe essere stato l’ultimo atto, almeno per ora. Domani, infatti, il Consiglio Federale potrebbe, anzi, secondo molti, dovrebbe, fermare tutto fino al tre aprile con tutto ciò lo slittamento potrebbe comportare. La Lega B ha comunicato che si atterrà alle decisioni del Governo, che, del resto, al di là delle schermaglie di ieri, aveva dato l’ok per la disputa a porte chiuse delle gare. Altre leghe, altri sport hanno deciso diversamente o hanno cambiato orientamento in corso d’opera. Senza pubblico, senza gente sugli spalti, il calcio e lo sport in generale perdono tanto, forse tutto e, comunque, al di là di tutto, resta il non certo trascurabile problema della tutela della salute degli atleti e dei tesserati che devono comunque spostarsi, prepararsi all’evento agonistico, cercando di far finta di nulla. Domani arriverà la decisione finale, ma lo stop appare molto probabile. Il campo dovrebbe passare in secondo piano per un po’ nella speranza che qualche settimana di stop e di sacrificio da parte di tutti ci consenta, poi, di tornare a parlare in totale serenità del mal di gol della Salernitana, dei problemi di Ventura che si ritrova senza Djuric e con altri due attaccanti indisponibili per squalifica. Non resta che aspettare il Consiglio Federale di domani per sapere cosa ci riserverà il futuro prossimo.

Autore dell'articolo: Nicola Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*