LOTITO PENSA AL BARI

Le indiscrezioni hanno trovato conferma: Claudio Lotito è sceso in campo per il Bari ed è tra gli interessati al titolo sportivo del club pugliese, che è stato escluso dal campionato cadetto e dovrà ripartire dal basso. Il patron della Lazio e della Salernitana ha dichiarato di avere legami affettivi con il Bari, dal momento che suo nonno paterno è di Corato, ed ha pensato per la panchina biancorossa ad Alberto Bollini, scaricato senza tanti complimenti nei mesi scorsi mentre stava traghettando senza demeritare la Salernitana in acque tranquille. Vedremo cosa accadrà. Di sicuro, la notizia della discesa in campo di Lotito per il Bari lascia interdetti e perplessi i tifosi granata. Il patron segue le sue logiche imprenditoriali, dà ascolto alla voce del cuore ed è libero di fare i passi che ritiene necessari. In un contesto già complicato come quello attuale in cui la questione della multiproprietà ha sempre affossato i sogni dei tifosi granata, è altrettanto legittimo chiedersi quale sia la strategia che Lotito abbia in mente. Col mercato ancora aperto e le tante trattative in ballo sia per la Lazio sia per la Salernitana, il patron potrebbe trovarsi nella condizione di dover pensare ad una ennesima società. E’ vero che Lotito ha doti organizzative e capacità di azione notevoli, ma l’eventuale acquisizione del titolo sportivo del Bari non farebbe che creare ulteriore confusione in materia di multiproprietà, atteso che, al momento, la cessione delle quote al cognato, Mezzaroma, non eliminerebbe il conflitto di interessi palesato dalle Noif. Per ora, non resta che attendere gli sviluppi. Il dubbio che a Salerno si sia giunti ad un punto di svolta, però, è sempre più legittimo.

Autore dell'articolo: Nicola Roberto

1 commento su “LOTITO PENSA AL BARI

    EnzoM

    (Luglio 30, 2018 - 11:39 am)

    Sono anni che un po tutti chiedono che Lotito andasse via e adesso che lo sta facendo neanche vi sta bene. Credo che questa sia la svolta che tutti aspettavano , Mezzaroma unico presidente, a tutto vantaggio della Salernitana. Così facendo anche le Noif vacillano legge vecchia e fuori dalla realtà , con tante società importanti che ogni anno falliscono vorrei proprio vedere se resiste questo divieto fino alla quarta generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*