VINO ADULTERATO, DUE SALERNITANI TRA GLI INDAGATI

Undici arresti e sei aziende agricole poste sotto sequestro preventivo per vino adulterato. E’ il bilancio dell’operazione ‘Ghost Wine’, scattata oggi con oltre 200 militari del Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Napoli, di unità dell’Arma territoriale e circa 90 appartenenti all’Unità Centrale Investigativa dell’Icqrf (Ispettorato centrale repressione frodi). L’operazione, condotta dal Nas di Lecce e dall’Icqrf, è coordinata dalla Procura. In molti casi, gli agricoltori arrestati sono imprenditori vitivinicoli delle province di Lecce e Brindisi, accusati di aver adulterato il vino per ottenere determinati standard e aumentare la produzione. Nell’operazione sono stati sequestrati 30 milioni di litri di vino.

Il gip Michele Toriello ha disposto l’arresto in carcere per Antonello Calò, 64 anni di Copertino; Giuseppe Caragnulo, 58 anni di San Donaci; Vincenzo Laera, 38 anni di Mesagne; Rocco Antonio Chetta, 65enne di Lequile; Antonio Domenico Barletta, 56 anni di Lecce; Luigi Ricco, 55 anni di San Ferdinando di Puglia, nel Barese.

Per cinque degli indagati è stata disposta la misura coercitiva degli arresti domiciliari. Si tratta di Pietro Calò, 26 anni di Copertino; Giovanni Luca Calò, 50enne di Lecce; Cristina Calò, 55 anni di Copertino; Simone Caragnulo, 23 anni di San Donaci; Antonio Ilario De Pirro, 51 anni residente a Galatina.

Trenta sono gli indagati a vario titolo:
Tommaso Vantaggio, 40 anni di Racale;
Susanna Calò, 34 anni di Copertino;
Vincenzo Morrone, 31 anni di Sant’Antimo, provincia di Napoli;
Santo e Giovanni Aimone, 65 e 34 anni anni di Sant’Antimo, provincia di Napoli;
Vincenzo Bevilacqua, 40enne di Capaccio, provincia di Salerno;
Rosario Aurigemma, 58 di Pontecagnano Faiano, provincia di Salerno;
Giuseppe De Bari, 55 anni di Molfetta;
Nicola Suglia, 55 anni di Noicattaro;
Giovanni Tornese, 29 anni, di Copertino;
Stefano Troncone, 39 anni, di Novoli;
Daniela Gravili, 42 anni, di Cellino San Marco (si tratta di una omonima della stimata sommelier leccese, assolutamente estranea ai fatti oggetto dell’inchiesta, ndr);
Antonio Caragnulo, 56 anni di San Donaci;
Salvatore Mazzotta, 54 anni di Trepuzzi;
Renato D’Auria, 53 anni di Ortona, provincia di Chieti;
Cosimo Campanella, 36 anni, di San Pietro Vernotico;
Dario Bardi, 31 anni di Cellino San Marco;
Oronzo Pezzuto, 36 anni di Surbo;
Antonio De Iaco, 63 anni residente a Felline;
Michele Brattoli, 68 anni di Trinitapoli, provincia Bat;
Bruno Lucio Damiani, 62 anni di Trinitapoli, provincia Bat;
Fabio De Pirro, 55 anni, di Galatina;
Francesco Libertini, 55 anni di Lizzanello;
Roberta Elisabetta Trande, 50 anni, di Lecce;
Simone Nestola, 34 anni di Copertino;
Giacomina Tavani, 41 anni di Lizzanello;
Marta Abbracciavento, 38 anni di Lecce;
Francesco Ciotola, napoletano residente a Cutrofiano, classe 1957;
Antonio D’Oro, 49enne di Bonito, provincia di Avellino;
Giuseppe Dell’Aversana, 40 anni di Orta di Atella, provincia di Caserta.

Il giudice ha accolto la richiesta di sequestro preventivo presentata dalla Procura per sei aziende, per le quali il giudice ha nominato Massimo Bellantone quale amministratore giudiziario. Le aziende sono la Agrisalento srl di Copertino, la Enosystems srl sempre di Copertino, la Megale Hellas srl di San Pietro Vernotico e Ccib Food Industry srl di Roma.

 Entra a far parte della CHAT di TV Oggi Salerno


NOTE SUI COMMENTI
L'area dei commenti vuole fornire agli utenti di questo sito la possibilità di esprimere la propria opinione su vari argomenti.
Questo però deve avvenire nel pieno rispetto del vivere civile e del buon gusto.
Pertanto è assolutamente vietato inserire messaggi dal contenuto minaccioso, insultante, diffamatorio, ingiurioso, osceno, volgare, offensivo, pornografico, sacrilego, sessualmente esplicito o indecente, e ogni quant'altro costituisca di per sé o induca ad atti illeciti, comporti responsabilità civile o che in qualunque altro modo violi qualsiasi legge locale, regionale, nazionale od internazionale.
Ciò nonostante gli amministratori di questo sito non possono essere ritenuti responsabili di come, dove e da chi questo forum viene utilizzato in quanto non sono nella possibilità concreta di esercitare un controllo diretto sugli stessi.
Chiunque però dovesse riscontrare contenuti non in linea con i principi fin qui descritti può segnalarceli all'indirizzo redazione@tvoggisalerno.it per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Author: Redazione

6210 stories / Browse all stories

Related Stories »

meteo
Meteo Salerno
#pubblicità#

POP UP BUONO SCONTO